Una location matrimonio affacciata sul mare: Villa Parisi

Esiste qualcosa di più magico e suggestivo che sposarsi guardando il mare?
Noi crediamo di no ed è per questo che, oggi, abbiamo deciso di presentare una location davvero da favola con una vista mozzafiato sul mar Tirreno:  Villa Parisi.
Il giorno più bello della vostra vita merita uno scenario tra i più belli che si possano sognare. Un mix perfetto fra bellezza e romanticismo che fa della Costa degli Etruschi, ed in particolare di Castiglioncello, uno dei luoghi preferiti dagli innamorati di tutto il mondo.
Villa Parisi sorge sul promontorio più suggestivo di Castiglioncello, da quale è possibile gettare il proprio sguardo verso l'orizzonte, perdendosi nel panorama che solo il golfo sa regalare.
E’ una Villa situata a picco sul mare ed immersa nella natura incontaminata in un luogo in cui il verde della macchia mediterranea si fonde con la purezza del suo mare blu: un angolo di Toscana elegante dove vivere gli indimenticabili momenti del giorno più bello.

Antica e prestigiosa villa patrizia, Villa Parisi mantiene intatta l'atmosfera della residenza privata ed è dotata di tutti i comfort di una villa moderna, che la rende location ideale per festeggiare cerimonie ed eventi speciali ed indimenticabili.
Ecco uno slide-show che vi farà percepire ancor meglio la bellezza di questa struttura e le sue peculiarità.

Se non siete ancora appagati delle informazioni che vi abbiamo dato riguardo Villa Parisi, non vi resta che andare a dare un'occhiata nel sito: www.villaparisi.com.

L’Eccellenza degli Abiti da Sposo: Il Tight

Il Tight è storico, è considerato l'abito per eccellenza nel campo della cerimonia uomo in tutto il mondo, simbolo inequivocabile di eleganza per un matrimonio classico da sogno.
Nasce in Inghilterra nel XIX secolo, utilizzato dai fantini come abito ufficiale e dai cavalieri; l'uso da parte di queste due categorie di persone è dovuto al fatto che la giacca, essendo aperta dietro, era molto comoda per montare in sella.

Oggi il Tight è utilizzato esclusivamente per cerimonie, rigorosamente di mattina. In inglese il tight è chiamato “Morning suit”, che tradotto letteralmente significa appunto “Abito da mattina”, e il suo uso è legato ad un intero protocollo “Morning Dress Code” che chi decide di acquistare un abito di questo genere dovrebbe conoscere. Il protocollo stabilisce che se lo sposo veste in tight, anche i papà degli sposi e i testimoni dovranno indossare un tight.
Fino a qualche anno fa, era ammesso solamente il modello da tight classico diplomatico: giacca nera, pantalone rigato grigio e nero, gilet da abbinare, plastron, bastone e cilindro. I tight degli ultimi anni sono diventati più moderni, lasciano agli sposi uno spazio più ampio di scelta e diventano più accessibili e fruibili.

I tight dei giorni nostri possono essere anche monocolore (giacca, pantalone e gilet), e questa scelta non vincola familiari e amici in nessun modo; l'uso del bastone e del cilindro è facoltativo e il plastron o cravatta, può essere sostituito da una cravatta larga 10,5 cm o ascot.


I tight monocolore spaziano dal grigio al blu in diverse tonalità, ma il 2015 sarà all'insegna di un tight completamente nuovo: il tight in Principe di Galles, elegante ed estroso allo stesso tempo.

Il gilet è l'accessorio che di solito distingue lo sposo dagli altri invitati, e anche nel tight ci sono le diverse possibilità presenti con altri tipi di abito: gilet semplice 5 bottoni, doppiopetto normale e doppiopetto asimmetrico; dopo aver scelto il gilet, bisogna arricchire l'abito con il resto degli accessori: catenina, gemelli, cravatta o ascot, fazzoletto, spillone ecc.

Il colore del gilet varia a seconda dell'impronta che si vuole dare alla presentazione generale:
  • gilet diplomatico per una cerimonia classica: nero con profili bianchi
  • cerimonia classica con un tocco di colore: gilet grigio perla o bianco perlaceo
  • matrimonio dal gusto British: gilet con colori più forti quali il verde, il rosso scuro, l'azzurro ecc.
  • per dare un tocco di lusso e nobiltà: gilet damascato in pura seta jacquard
  • alternativa nel campo della cerimonia uomo: giacca nera con gilet e pantalone “pied-poule” o Principe di Galles.
Il primo accessorio da scegliere dopo i 3 pezzi fondamentali dell'abito è la camicia. La camicia da tight è estremamente classica: cotone “doppio ritorto”, satin liscio, micro disegni oppure un cotone satinato. Il polsino è quasi sempre doppio per poter indossare i gemelli, uno degli accessori più eleganti nel “formal wear” maschile.

Se si vuole dare un tocco di colore, è ammesso l'utilizzo di camicie celesti o di altri colori soft con collo a contrasto bianco. In ogni caso, i colli per una camicia da abbinare ad un tight possono essere: wing o smoking, da indossare solo con plastron; oppure collo classico con cravatta o ascot.
Per quanto riguarda l'ascot o la cravatta, non ci sono limiti al colore, specialmente se il tight è monocolore; questo accessorio è estremamente personale, e la scelta spetta solamente allo sposo: tinta unita, micro disegni, disegni geometrici, righe, paisley ecc. La scelta della cravatta o dell'ascot denota gran parte della personalità di un uomo.

Accessorio tuttora presente, nonostante molti pensino sia utilizzabile solo da uomini in età avanzata, sono le bretelle. A livello di utilità, le bretelle servono a tenere alto e dritto il pantalone di uomini con un po' o molta pancia, per evitare che si formino pieghe anti estetiche sulla scarpa. Oggi è un accessorio trendy, reinterpretato in diverse fantasie e colori.
La scarpa da abbinare ad un tight può essere di due tipi: Oxford in cuoio nero lucido per il tight classico con giacca nera e pantalone rigato e Derby per il tight monocolore, anche in marrone testa di moro. Sono due modelli di scarpa estremamente eleganti e di qualità che rappresentano il più puro stile Gentleman. Un consiglio importante: graffiare sempre la suola in cuoio per evitare scivolamenti.
Gli accessori dei quali molti sposi fanno a meno sono il cilindro e il bastone, che derivano dalla cultura inglese. In Inghilterra spesso piove e quindi i gentiluomini indossavano sempre un cappello e avevano un ombrello in caso di pioggia improvvisa: da qui la trasformazione del cilindro e del bastone in accessori eleganti per lo sposo in tight.

La collezione Gentleman di Ottavio Nuccio Gala ha una vasta gamma di tight tra cui scegliere, dal classico al moderno, tantissimi accessori diversi, tessuti qualitativamente molto alti e una vera cultura in questo campo.

Negli showroom di Ottavio Nuccio Gala troverete persone competenti ed esperte del settore che sapranno guidare gli sposi all'interno di questo favoloso mondo del più classico e puro stile Gentleman.

Visitate il sito www.ottavionuccio.com per conoscere tutte le proposte del marchio, acquistabili nei negozi monomarca, nei rivenditori o anche online tramite un efficiente servizio di scambio informazioni con l'azienda produttrice.

The Excellence of the Groom Suits: The Morning Suit

The Morning suit is historical, is considered the suit for excellence in matters of men's formal wear all over the world, unmistakable symbol of elegance for the wedding of your dreams.

Its first appearance was in England in the nineteenth century, used by cavalry as their official dress and by knights; the use by these two categories of people is due to the fact that the jacket, opened in the back, it was very comfortable for riding in the saddle.
Nowadays the Morning Suit is exclusively used for ceremonies, strictly in the morning. Its use is tied to a whole protocol “Morning Dress Code” that those who decide to buy a suit of this kind must should know. The protocol states that if the groom wears a Morning suit, even the father of the newlyweds and the witnesses must wear a Morning suit.
Until a few years ago the only admitted model was the classic morning suit: black jacket, gray and black striped trousers, waistcoat matched to the suit, tie, stick and cylinder. In recent years the morning suit have become more modern, the grooms have more choice and it's more accessible and useful.


The morning suit of today can also be monochrome (jacket, trousers and vest), and this choice doesn't bind family members and friends in any way; the use of the stick and the cylinder is optional and the tie may be replaced by a tie wide 10,5 cm or an ascot.

The one colored morning suit ranging from gray to blue in different shades, but 2015 will be marked by a completely new morning suit: the morning suit in Prince of Wales, elegant and whimsical at the same time.

The waistcoat is the accessory that usually distinguishes the groom from the other guests, and even in the morning suit there are several possibilities that you can also find in other types of suit: simple 5 buttons waistcoat, normal double-breasted and asymmetric double-breasted; after choosing the waistcoat, it's necessary to enrich the suit with other accessories: chain, cufflinks, tie or cravat, handkerchief, pin.

The color of the waistcoat will vary depending on the impression you want to give to the general presentation:
  • Classical waistcoat for a traditional ceremony: black with white profiles
  • Traditional ceremony with a touch of color: pearly white or pearl gray waistcoat
  • A touch of Brit color: colors such as green, red, dark blue and so on
  • To give a touch of luxury and nobility: waistcoat in pure jacquard silk
  • Alternative vintage wedding: black jacket with waistcoat and trousers in "hound’s-tooth" or “Prince of Wales”.
The next accessory to choose after the 3 basic pieces of the suit is the shirt. The shirt for the morning suit can be "double twisted" cotton, smooth satin, micro patterns or a cotton satin. Preferably double cuff for cufflinks, one of the most stylish accessories in men's formal wear.
If you want to give a touch of color, it's allowed to use light blue shirts or other soft colors with a contrasting white collar. In any case, the collars for a shirt to combine with a morning suit can be: wing or tuxedo, but you should never match a wing collar with a tie; or classic collar with tie or ascot.
Regarding the ascot or tie, there are no limits for the color, especially if it's a monochrome morning suit; this accessory is extremely personal, and the choice is only by the groom: solid color, micro patterns, geometric patterns, stripes, brocade and so on. The choice of the tie or the ascot denotes a large part of the personality of a man.

An accessory that is still present, although many people think it's only useful by older men, are the suspenders. Regarding its utility, the suspenders serve to keep up and straight the trousers of men with a little or a lot of belly, for avoid the formation of anti esthetic pleats on the shoe. Today is a trendy accessory, reinterpreted in different patterns and colors.
The shoes to match with a morning suit can be of two types: Oxford in shiny black scalp for the classic morning suit with black jacket and striped trousers; Derby for the morning suit of one color, even dark brown. These are two extremely stylish and of quality models that represent the purest style Gentleman. One important tip: always scratch the leather sole to prevent slipping.

The accessories that many grooms choose not to use are the cylinder and the stick, which derive from the English culture. In England it often rains and the gentlemen always wore a hat and had an umbrella in case of sudden rain, hence the transformation of the cylinder and stick in elegant accessories for the groom who wears a morning suit.
The Gentleman collection of Ottavio Nuccio Gala has a wide range of morning suits to choose among which, from classic to modern, lots of different accessories, qualitatively very high fabrics and a real culture in this field.

In the showrooms of Ottavio Nuccio Gala you will find competent and experienced people of the sector who will guide the couple in this fabulous world of the most classic and pure Gentleman style.

Check the website www.ottavionuccio.com to know all the proposals of the brand sold in flagship stores, retail stores or even online through an efficient exchange of information with the company.

La Excelencia de la Ceremonia: El Chaqué

El chaqué es histórico, considerado como el traje por excelencia de la moda masculina en todo el mundo, el símbolo inequivocable de elegancia para una boda clásica de ensueño.

El chaqué nació en Inglaterra en el siglo XIX, llevado por los jinetes o caballeros como prenda oficial; esta prenda fue usada, abierta por detrás, porque era muy cómoda para cabalgar.
Hoy el chaqué se utiliza exclusivamente para bodas que se celebran por la mañana. En inglés el chaqué se llama “Morning suit”, que literamente significa “Traje de mañana”, y su uso está unido a un protocolo “Morning Dress Code”, por ello quien elija este modelo, debería conocerlo. El protocolo establece que si el novio viste de chaqué, los familiares y amigos más cercanos, también deberán vestir de chaqué.

Hasta algunos años atrás, lo más común en las ceremonias tradicionales era el chaqué clásico diplomático: americana negra, pantalón de rayas gris y negro, chaleco diplomático combinado con corbata gris o plastrón, bastón y sombrero de copa. Sin embargo, el chaqué de los últimos años, ha cambiado y el novio tiene un campo mucho más amplio de coordinaciones y posibilidades donde elegir.

Un nuevo modo de entender el chaqué sería la coordinación monocolor (chaqueta, pantalón y chaleco), y esta elección no vincula a los familiares y amigos más cercanos extrictamente a vestir de chaqué; no es obligatorio usar bastón ni sombrero de copa y el plastrón o corbata, puede sustituirse con una corbata ancha de 10,5 cm o un ascot.

Los colores para un chaqué monocolor, pueden variar desde el clásico negro, hasta diversas tonalidades de grises y azules, pero la tendencia para la colección 2015 estará caracterizada por un chaqué nuevo: el chaqué en Príncipe de Gales, elegante y extravagante al mismo tiempo.

El chaleco es el accessorio que suele distinguir al novio de los invitados y también para el chaqué existen las mismas posibilidades de coordinación que hay con los otros modelos de trajes: chaleco recto con 5 botones, chaleco cruzado de sociedad o cruzado asimétrico. Y después de haber escogido el chaleco, tenemos que enriquecer el traje con los otros accessorios: cadena, gemelos, corbata o ascot, pañuelo, alfiler, etc.

El color del chaleco depende del gusto que queramos dar a la presentación general:

  • Chaleco diplomático para una ceremonia corservadora: negro con perfiles blancos
  • Ceremonia clásica con un toque de color: chaleco gris o blanco nacarado
  • Boda con un toque de color British: chaleco de colores más fuertes como el verde, el rojo, el azul, etc.
  • Para dar un toque de lujo y nobleza: chaleco en jacquard de pura seda
  • Ceremonia alternativa de gusto vintage: chaqueta negra con chaleco y pantalón “pied-poule” o Príncipe de Gales.

El siguiente accessorio a escoger después de las 3 piezas fundamentales del traje, es la camisa. La camisa para el chaqué debe ser de algodón “doppio ritorto”, satin liso, micro dibujos o un algodón satinado. El puño es casi siempre doble para poder llevar gemelos, uno de los accessorios más elegantes del “formal wear” masculino.

Si se quiere dar un toque de color, podemos decantarnos por una camisa en tonos pastel como el celeste o rosa, y coordinarla con cuellos blancos a contrasto. Los cuellos que se pueden utilizar para combinar una camisa con el chaqué son: wing o diplomático, para utilizar exclusivamente con plastrón clásico, o el cuello clásico para utilizar con corbata o ascot.

Por lo que concierne el ascot o la corbata, no hay límites de color, especialmente si el chaqué es monocolor; este accessorio es extremamente personal y la selección corresponde solamente al novio: monocolor, microdibujos, dibujos geométricos, rayas o paisley. La selección de la corbata muestra una gran parte de la personalidad de un hombre.

Un accessorio que todavía está muy presente, aunque muchos piensen que sea exclusivo en personas mayores, son los tirantes. A nivel de comodidad, sobretodo en los casos donde el hombre tenga estómago, los tirantes sirven para mantener el pantalón colocado en su sitio en todo momento y de ese modo, evitar esas arrugas tan antiestéticas que pueden formarse sobre el zapato. Hoy es un accessorio trendy reinterpretado en diferentes fantasías y colores.

Los zapatos más apropiados que se pueden coordinar con un chaqué son: el modelo Oxford de cuero negro es muy adapto para el chaqué clásico diplomático; el modelo Derby con hebilla lateral, es muy apropiado para el chaqué monocolor, y en este caso, también podemos coordinarlo en un todo marrón oscuro “testa di moro”. Son dos modelos de zapato extremamente elegantes y de gran calidad que representan el más puro estilo Gentleman. Un consejo muy útil: rayar un poco la suela de cuero antes del uso para evitar posibles resbalones.

Los accesorios como son el sombrero de copa y el bastón, no necesariamente obligatorios, derivan de la cultura inglesa. En Inglaterra suele llover y por esto los gentlemen suelen llevar siempre un sombrero y un paraguas en caso de lluvia improvisada: de aquí la transformación del sombrero de copa y del bastón en accessorios elegantes para el novio que lleva chaqué.

La colección Gentleman Ottavio Nuccio Gala tiene una gran gama de chaqués donde poder escoger, desde el clásico diplomático hasta el más moderno, con diferentes accesorios, tejidos de alta calidad y una confección al más puro estilo Gentleman 100% “Made in Italy”.


En las boutiques de Ottavio Nuccio Gala encontraremos un equipo de profesionales expertos en el sector, que sabrán guiar a los novios en el tradicional mundo sartorial y vestir al más puro estilo Gentleman.

Visita la página www.ottavionuccio.com para conocer todas las propuestas de la marca, todas ellas disponibles en sus boutiques monomarca y también online, con un servicio personalizado a medida de cada cliente.

Mi piace by artefare showroom in cui la pietra prende forma per rendere unico il vostro matrimonio

Passione, creatività e originalità. Mi piace by artefare showroom in cui la pietra prende forma per diventare un oggetto unico e irripetibile per ricordare il giorno più bello.

In un periodo in cui si parla molto di Design, di "minimal" e di materiali naturali utilizzati per la creazione dei più svariati oggetti, siamo certi che l'azienda di cui vi parleremo oggi, non potrà che attirare la vostra attenzione.

Mi piace by artefare è showroom e laboratorio in cui Massimiliano De Giovanni, designer scultore e Ilaria Dell’Onze, sua moglie realizzano i loro progetti in pietra leccese, creando oggetti dal design raffinato.

Lampade, applique, centrotavola, complementi d’arredo, ma anche oggettistica, bomboniere e articoli da regalo, che potrete ammirare sul sito www.mipiacebyartefare.it.
Massimiliano, con la sua esperienza di maestro d’arte, la sua creatività e gentilezza d’animo progetta oggetti dalle linee morbide, con forme semplici, ma eleganti e raffinate.

Ilaria aggiungendo il tocco femminile, crea bijoux sfiziosi e colorati per chi ama indossare qualcosa di insolito e originale e confeziona le creazioni di Massimiliano, valorizzandone l’estetica e rendendo il tutto un piacevole ricordo da ricevere nel giorno più bello.

Per seguire Massimiliano & Ilaria e cliccare "Mi Piace" vi basterà visitare la loro fan page www.facebook.com/mipiacebyartefare.

Mentre qui potrete trovare un imperdibile sconto tutto per voi: www.italianweddingcoupons.com.